Corsi disponibili

FA1211 Cosmetovigilanza e Fitosorveglianza MQ Pharma - refresh 2022

ATTENZIONE
questo corso è composto da due test: per considerare il corso superato è necessario svolgerli e superarli entrambi.

FA1069 Farmacovigilanza Bayer

La presente ppt è da considerarsi parte integrante del progetto Privacy Finerenone - Bayer. La ppt contiene le linee guida da seguire in caso di segnalazioni Eventi Avversi e/o Reclami di prodotto.

FA1068 Test di gradimento Marketing Automation

Gentile Partecipante, ti preghiamo di compilare questo breve questionario che costituisce uno strumento per valutare la sessione formativa a cui hai preso parte e migliorare le future . Ti chiediamo di assegnare un punteggio da 1 a 4 a ciascuna domanda .

1060 Test di gradimento Marketing Farmaceutico - I sessione

Gentile Partecipante, ti preghiamo di compilare questo breve questionario che costituisce uno strumento per valutare la sessione formativa a cui hai preso parte e migliorare le future . Ti chiediamo di assegnare un punteggio da 1 a 4 a ciascuna domanda .

Fad Dolore Il dolore: conoscerlo per curarlo


La IASP (International Association for the Study of Pain)definisce il dolore  come “un’esperienza sensoriale ed emotiva spiacevole, associata ad un effettivo o potenziale danno tissutale o comunque descritta in rapporto ad esso”. Nel 2018, tale definizione ormai universalmente accettata ed utilizzata, è stata implementata al fine di descrivere più accuratamente l’esperienza del dolore sottolineando l’interconnessione di tre dimensioni fondamentali: biologica, psicologica e sociale.


Periodo di svolgimento: 20/09/2022 - 31/12/2022

Il corso termina il 31 dicembre 2022.

I moduli sono propedeutici per cui è necessario completare il programma formativo per poter accedere al test di verifica finaleche dovrà essere completato entro le ore 23.59 della data di scadenza del corso (31/12/2022).



Fad_Covid Covid-19: progressi nelle conoscenze e impatto sulla dermatologia


Ad un anno dall’inizio dell’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del Coronavirus, è emersa l’esigenza di fare un punto su alcuni temi, e in particolare sulle conoscenze acquisite, sulle attuali strategie messe in pratica per sconfiggere la pandemia e sulla gestione dei pazienti con malattie dermatologiche croniche nel periodo critico. L’esigenza attuale è quella di contestualizzare le criticità emerse in quest’anno al nuovo scenario di campagna vaccinale in corso, evidenziando quale sarà l’impatto della somministrazione dei vaccini, quali sono i progressi fatti in ambito terapeutico ed evidenziando l’effetto che l’emergenza ha avuto nel ritardo nella diagnosi di malattie dermatologiche e nella difficoltà dei trattamenti.

Webinar Covid-19: progressi nelle conoscenze e impatto sulla dermatologia


Ad un anno dall’inizio dell’emergenza sanitaria dovuta al diffondersi del Coronavirus, è emersa l’esigenza di fare un punto su alcuni temi, e in particolare sulle conoscenze acquisite, sulle attuali strategie messe in pratica per sconfiggere la pandemia e sulla gestione dei pazienti con malattie dermatologiche croniche nel periodo critico. L’esigenza attuale è quella di contestualizzare le criticità emerse in quest’anno al nuovo scenario di campagna vaccinale in corso, evidenziando quale sarà l’impatto della somministrazione dei vaccini, quali sono i progressi fatti in ambito terapeutico ed evidenziando l’effetto che l’emergenza ha avuto nel ritardo nella diagnosi di malattie dermatologiche e nella difficoltà dei trattamenti.

FAD COVID We Talk: la pandemia tra presente e futuro

formedicaLa pandemia da COVID ha stravolto le nostre vite ma soprattutto il sistema sanitario. In questo anno tante cose sono state scoperte, conosciute, imparate relativamente al virus SARS COV 2. Abbiamo armi terapeutiche e vaccini. Come è cambiato e come cambierà il paziente COVID? Cosa abbiamo imparato? Quali sono le esperienze dal campo? Quali sono le sfide che la comunità scientifica stà affrontando e quali ancora ci aspettano per controllare la pandemia? Si prospetta un futuro senza covid? Quale sarà lo scenario che ci attende?

Webinar-2 L’evoluzione del paziente Covid: Dalla prima ondata alla fase post vaccinale

La pandemia da COVID ha stravolto le nostre vite ma soprattutto il sistema sanitario. In questo anno tante cose sono state scoperte, conosciute, studiate relativamente al virus SARS COV 2. Abbiamo armi terapeutiche e vaccini. Come è cambiato e come cambierà il paziente COVID? Cosa abbiamo imparato? Quali sono le esperienze dal campo? Quali sono le sfide che la comunità scientifica sta affrontando e quali ancora ci aspettano per controllare la pandemia? Si prospetta un futuro senza COVID? Quale sarà lo scenario che ci attende? L’evento FAD si pone all’interno del progetto educazionale “COVID We Talk: la pandemia tra presente e futuro’’ ed ha l’obiettivo di fornire agli specialisti in Malattie infettive, Malattie dell’apparato respiratorio, Medicina d’urgenza, Medicina interna, Anestesia e rianimazione, Farmacisti ospedalieri e Medici di medicina generale, un percorso di approfondimento su tutti gli aspetti del COVID, dalle mutazioni del virus, alla gestione dei pazienti post pandemia fino ad arrivare alla fase post vaccinale.

Webinar-1 L’importanza dell’Early treatment nella gestione attuale del paziente COVID

La recente pandemia del virus SARS-COV2, ha comportato enormi problemi nella gestione di pazienti con esigenze cliniche disparate, molti dei quali in condizioni critiche. Il COVID sta dunque lasciando un segno indelebile sulla salute, ma allo stesso tempo sta avendo un impatto importante sull’economia sanitaria dell’intero paese, in particolare sui reparti di emergenza e sulle unità di terapia intensiva. La priorità è la diagnosi precoce e intervenire sul time-to-recovery dei pazienti ospedalizzati al fine di ridurre la mortalità. L’evento FAD si pone all’interno del progetto educazionale “COVID We Talk: la pandemia tra presente e futuro’’ ed ha l’obiettivo di fornire agli specialisti in Malattie infettive, Malattie dell’apparato respiratorio, Medicina d’urgenza, Medicina interna, Anestesia e rianimazione, Farmacisti ospedalieri e Medici di medicina generale, un percorso di approfondimento sull’importanza della gestione precoce dei pazienti Covid e al fine di: Offrire un servizio di aggiornamento scientifico su questa importante tematica Offrire un momento di discussione e condivisione di esperienze di pratica clinica

SLIDE KIT Metti in gioco le tue conoscenze

Leggi gli slide kit di patologia e rispondi a qualche breve domanda per testare le tue conoscenze in materia. Gioca con noi

Privacy_2 Privacy demo copia 2

formedicaNel campo sanitario ci sono regole severe di privacy e sicurezza del dato. Con l’entrata in vigore del nuovo Regolamento europeo (GDPR) in tema Privacy, anche il Medico ha degli obblighi da ottemperare subito per non incorrere in pesanti sanzioni. La Normativa ha posto l'obiettivo di rafforzare la protezione dei dati personali e impedirne la condivisione non autorizzata, modificando aspetti rilevanti della conservazione degli stessi.

Il corso di formazione a distanza, si compone di 6 moduli didattici, ha  l’obiettivo  di  fornire  ai  discenti le competenze necessarie all’approfondimento della nuova normativa europea e delle problematiche relative al trattamento dei dati, anche sanitari, e di garantirne la tutela.

I discenti, al termine del corso, acquisiranno un’esaustiva conoscenza della normativa vigente in materia di privacy, obblighi, diritti e responsabilità.



Privacy_1 Privacy

Nel campo sanitario ci sono regole severe di privacy e sicurezza del dato. Con l’entrata in vigore del nuovo Regolamento europeo (GDPR) in tema Privacy, anche il Medico ha degli obblighi da ottemperare subito per non incorrere in pesanti sanzioni. La Normativa ha posto l'obiettivo di rafforzare la protezione dei dati personali e impedirne la condivisione non autorizzata, modificando aspetti rilevanti della conservazione degli stessi.

Il corso di formazione a distanza, si compone di 6 moduli didattici, ha  l’obiettivo  di  fornire  ai  discenti le competenze necessarie all’approfondimento della nuova normativa europea e delle problematiche relative al trattamento dei dati, anche sanitari, e di garantirne la tutela.

I discenti, al termine del corso, acquisiranno un’esaustiva conoscenza della normativa vigente in materia di privacy, obblighi, diritti e responsabilità.



Webinar HCV What’s new on HCV? Highlight From EASL Congress 2020: Tavola rotonda con gli esperti per condividere i punti salienti del congresso

Il congresso EASL è uno dei principali congressi internazionali in ambito Liver disease che accoglie ogni anno centinaia di clinici, in cui vengono pubblicate le principali novità scientifiche in ambito epatologico.

Il virus dell'epatite C cronica (HCV) rappresenta una sfida significativa per la salute pubblica.

Dei 3,2 milioni di pazienti stimati nell'UE con HCV cronica, corrispondenti allo 0,64% della popolazione, quasi i due terzi non sono consapevoli del loro stato, di conseguenza la trasmissione continua a verificarsi con conseguente aumento di malattie epatiche correlate all'HCV.

Nel 2016, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha fissato degli obiettivi per eliminare l'infezione da HCV come minaccia per la salute pubblica entro il 2030:

  • ridurre dell’80% le infezioni da HCV
  • ridurre del 65% la mortalità correlata all'HCV
  • diagnosticare il 90% di pazienti con infezione da HCV
  • trattare l’80% dei pazienti con HCV

L’evento ha l’obiettivo di fornire, agli specialisti in malattie infettive, medicina interna e gastroenterologia, un servizio di aggiornamento, confronto e discussione sulle principali novità pubblicate al congresso EASL in tema Epatite C, mediante la diffusione delle più importanti pubblicazioni ed evidenze scientifiche sulla patologia.

L’attestazione dei crediti ottenuti è subordinata alla presenza ad almeno il 90% dei lavori, alla compilazione della scheda di valutazione dell’evento e al superamento della prova di apprendimento (questionario, almeno 75% risposte esatte). È possibile compilare i questionari entro i tre giorni successivi alla data di conclusione del webinar.

Prevenzione VRS La prevenzione dell’infezione da VRS

Il Virus respiratorio Sinciziale (VRS) è la più frequente causa di infezione delle basse vie aeree nei bambini pertanto costituisce la principale causa di polmonite e bronchiolite nei bambini al di sotto dei due anni.    

La prevenzione si basa sulla profilassi ambientale e su quella farmacologica.

La profilassi ambientale è la prima misura preventiva utile a combattere la diffusione del VRS perchè consente di evitare a monte il contagio: specialmente nel periodo epidemico e soprattutto in ambito ospedaliero e ambulatoriale, è indispensabile ridurre la trasmissione del virus, il quale si propaga facilmente per via aerea attraverso le goccioline di saliva e il contatto con oggetti e superfici contaminate. Il lavaggio frequente delle mani, la decontaminazione con soluzioni alcoliche e la pulizia delle superfici andrebbero incoraggiate e promosse in tutti gli ambienti, soprattutto in quelli a maggior rischio di trasmissione.


PICC Accessi venosi ad inserzione periferica

In relazione alle continue innovazioni tecnologiche si assiste ad un progressivo processo di

miglioramento dei materiali e delle tecniche utilizzabili per l'assistenza in ambito medico ed infermieristico.

La miniaturizzazione delle componenti elettriche che consentono la costruzione di apparecchi elettromedicali sempre più piccoli e performanti.

Questo continuo processo di ottimizzazione ha consentito, negli ultimi anni, di creare ecografi miniaturizzati che possono essere utilizzati in sala operatoria oppure al letto del paziente per posizionare accessi venosi ed arteriosi con minima invasività e minimo rischio di complicanze.

Una tale tecnologia si rivela di fondamentale importanza anche per attuare una diagnostica di primo livello riducendo al minimo il rischio complicanze dovute al possibile stravaso di mezzo di contrasto spesso indispensabile per aumentare la sensibilità e la specificità delle più comuni metodiche diagnostiche (Ecografia specialistica, Tomografia Assiale Computerizzata e Risonanza Magnetica Nucleare).

L'utilizzo degli accessi venosi centrali ad inserzione periferica in italia si è largamente diffuso in italia a partire dagli anni 90.

Numerosi articoli e linee guida hanno dato sempre più precise indicazioni per la scelta del presidio nei diversi contesti clinici e diagnostici.


VRS fattori di rischio Il VRS e i fattori di rischio per infezione grave

Il Virus respiratorio Sinciziale (VRS) è la più frequente causa di infezione delle basse vie aeree nei bambini pertanto costituisce la principale causa di polmonite e bronchiolite nei bambini al di sotto dei due anni. I soggetti più a rischio sono i bambini prematuri nati prima delle 35 settimane e bambini e adulti che hanno un sistema immunitario depresso o indebolito a causa di una malattia o di un trattamento medico. Tra i fattori di rischio che favoriscono la diffusione del VRS, un ruolo importante lo ricoprono quelli climatici (i bambini nati in autunno e inverno hanno un rischio tre volte maggiore di contrarre il virus rispetto ai bambini nati in primavera ed estate) e quelli ambientali (esposizione al fumo passivo, precoce scolarizzazione, ambienti affollati, convivenza con fratelli più piccoli, prolungata ospedalizzazione). I quattro eventi avranno l'obiettivo di fornire agli specialisti in anestesia e rianimazione, pediatria, neonatologia, cardiologia, pneumologia e malattie dell’apparato respiratorio ed infermieri un percorso di approfondimento sull’infezione da Virus respiratorio Sinciziale (VRS) nei bambini al fine di offrire un servizio di aggiornamento scientifico su questa importante tematica e di condivisione di esperienze di pratica clinica.

VRS La prevenzione delle malattie respiratorie infettive nella popolazione pediatrica

Il Virus respiratorio Sinciziale (VRS) è la più frequente causa di infezione  delle basse vie aeree nei bambini pertanto costituisce la principale causa di polmonite e bronchiolite nei bambini al di sotto dei due anni.

Recenti studi di follow-up condotti fino all'età adulta dimostrano che fino al 30- 40% di soggetti precedentemente ospedalizzati per bronchiolite, presenta asma e utilizza abitualmente farmaci antiasmatici.

Tra le principali categorie a rischio di contrarre l’infezione respiratoria rientrano i bambini prematuri, nati prima delle 35 settimane  di gravidanza, lattanti e bambini di meno di 24 mesi con patologie associate (broncodisplasia, patologie respiratorie croniche, cardiopatie, immunodeficienze), bambini e adulti che hanno un sistema immunitario depresso o indebolito a causa di una  malattia o di un trattamento medico.

In queste categorie ad alto rischio la prevalenza dell’ospedalizzazione da VRS arriva fino al 20%.

L’evento FAD ha l’obiettivo di fornire  agli specialisti in  anestesia e rianimazione, pediatria, neonatologia, cardiologia, pneumologia e malattie dell’apparato respiratorio, ed infermieri un progetto educazionale focalizzato sull’infezione da Virus respiratorio Sinciziale (VRS) nei bambini.

FAD HCV What’s new on HCV? Highlight From EASL Congress 2020: Tavola rotonda con gli esperti per condividere i punti salienti del congresso

Il congresso EASL è uno dei principali congressi internazionali in ambito Liver disease che accoglie ogni anno centinaia di clinici, in cui vengono pubblicate le principali novità scientifiche in ambito epatologico.

Il virus dell'epatite C cronica (HCV) rappresenta una sfida significativa per la salute pubblica.

Dei 3,2 milioni di pazienti stimati nell'UE con HCV cronica, corrispondenti allo 0,64% della popolazione, quasi i due terzi non sono consapevoli del loro stato, di conseguenza la trasmissione continua a verificarsi con conseguente aumento di malattie epatiche correlate all'HCV.

Nel 2016, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha fissato degli obiettivi per eliminare l'infezione da HCV come minaccia per la salute pubblica entro il 2030:

  • ridurre dell’80% le infezioni da HCV
  • ridurre del 65% la mortalità correlata all'HCV
  • diagnosticare il 90% di pazienti con infezione da HCV
  • trattare l’80% dei pazienti con HCV

L’evento ha l’obiettivo di fornire, agli specialisti in malattie infettive, medicina interna e gastroenterologia, un servizio di aggiornamento, confronto e discussione sulle principali novità pubblicate al congresso EASL in tema Epatite C, mediante la diffusione delle più importanti pubblicazioni ed evidenze scientifiche sulla patologia.

Periodo di svolgimento: 13/10/2020 - 31/12/2020

Il corso termina il 31 dicembre 2020

Per poter accedere ai materiali didattici è necessario effettuare la verifica iniziale, che dovrà essere completata entro le ore 23.59 giorno 30 dicembre 2020, per permettere al partecipante di acquisire le ore necessarie per il completamento del corso.

Si accede poi al materiale del corso.

I moduli sono propedeutici per cui è necessario completare il programma formativo per poter accedere al test di verifica finaleche dovrà essere completato entro le ore 23.59 della data di scadenza del corso (31/12/2020).


Anemia Anemia sideropenica con il Patient Blood Management più sicurezza e minori costi

Circa un terzo dei pazienti che deve sottoporsi a chirurgia elettiva presenta anemia sideropenica, potenzialmente trattabile in caso di intervento farmacologico in tempi utili. L’anemia sideropenica è un fattore di rischio modificabile che causa maggiore morbilità e mortalità peri-operatorie. Nell’ottica di migliorare gli outcome clinici del paziente è stato istituito il Patient Blood Management (PBM), una strategia diretta a predisporre metodi e strumenti innovativi e più efficaci per garantire l’appropriatezza della gestione, organizzativa e clinica, della risorsa sangue.

Questo corso di formazione a distanza, che si compone di 10 moduli didattici, ha l’obiettivo di fornire ai discenti le competenze necessarie all’applicazione del PBM e della gestione dell’anemia sideropenica nel paziente peri-operatorio. 



Privacy Privacy: obblighi, diritti e responsabilità

Nel campo sanitario ci sono regole severe di privacy e sicurezza del dato. Con l’entrata in vigore del nuovo Regolamento europeo (GDPR) in tema Privacy, anche il Medico ha degli obblighi da ottemperare subito per non incorrere in pesanti sanzioni. La Normativa ha posto l'obiettivo di rafforzare la protezione dei dati personali e impedirne la condivisione non autorizzata, modificando aspetti rilevanti della conservazione degli stessi.

Il corso di formazione a distanza, si compone di 6 moduli didattici, ha  l’obiettivo  di  fornire  ai  discenti le competenze necessarie all’approfondimento della nuova normativa europea e delle problematiche relative al trattamento dei dati, anche sanitari, e di garantirne la tutela.

I discenti, al termine del corso, acquisiranno un’esaustiva conoscenza della normativa vigente in materia di privacy, obblighi, diritti e responsabilità.




Aiuto su Cerca corsi